DJI_Zenmuse_comparazione

Comparazione camere DJI Zenmuse per Inspire

Vuoi registrare la migliore ripresa aerea? DJI ha una gamma di fotocamere ad alta potenza per la sua serie di droni Inspire. Queste sono conosciute come la serie DJI Zenmuse. Ogni modello viene fornito con una varietà di specifiche e caratteristiche, quindi abbiamo intrapreso un confronto approfondito per determinare quali sono le migliori. Vi faremo anche conoscere le diverse compatibilità.

Compatibilità

Per prima cosa, vogliamo chiarire quali droni possono usare quali fotocamere.

DJI Inspire 1 è compatibile con Zenmuse X3, Zenmuse X5 e Zenmuse X5R.

DJI Inspire 1 Pro è dotato di Zenmuse X5 (non intercambiabile).

DJI Inspire 1 Raw è dotato di Zenmuse X5R (non intercambiabile).

DJI Inspire 2 è compatibile con Zenmuse X7, Zenmuse X5S e Zenmuse X4S.

Dovresti anche essere consapevole del fatto che DJI ha una gamma di gimbal manuali dotati di fotocamera noti come Osmo. Gli Osmo incorporano anche la fotocamera Zenmuse.

 

Osmo Pro incorpora lo Zenmuse X5.

Osmo Raw incorpora lo Zenmuse X5R.

Osmo e Osmo + incorporano lo Zenmuse X3.

Megapixel

Più megapixel ha una fotocamera, migliori sono le foto. Un megapixel è un milione di pixel e un pixel è un quadrato punto nella immagine. Più di queste “punti” hai messo insieme, più informazioni sono presenti in una foto.

Lo Zenmuse X7 è il chiaro vincitore con 24 megapixel. Ciò consente di scattare foto a livello professionale. Le altre telecamere non sono molto indietro, tranne per lo Zenmuse X3, che è un po’ datato con soli 12,4 megapixel.

Modello              Megapixels

Zenmuse X5      16

Zenmuse X5R    16

Zenmuse X4S    20

Zenmuse X5S    20.8

Zenmuse X7      24

Riprese video

Tutte le fotocamere Zenmuse possono filmare in ultra-alta definizione (4K). Alcuni possono persino andare più in alto con 5.2K e 6K. Dai uno sguardo sotto ai frame rate per ciascuna modalità (più alto è, meglio è).

Modello              Frame Rate

Zenmuse X5      4K at 30fps

Zenmuse X5R    4K at 30fps

Zenmuse X4S    4K at 60 fps

Zenmuse X5S    4K at 60 fps, 5.2K at 30 fps

Zenmuse X7      4K at 60 fps, 5.2K at 30 fps, 6K at 30fps

Tieni presente che se hai intenzione di acquistare uno Zenmuse X5S o Zenmuse X7 e di scattare in modalità 5.2K o 6K, avrai bisogno di molto spazio sulla scheda SD e un sacco di hard disk di riserva. Entrambe le modalità sono incredibilmente pesanti a circa 4 Gbps. Altre ancora più cattive notizie: Per registrare in modalità 6K o in modalità 5.2K, è necessario acquistare una licenza CinemaDNG dal costo elevatissimo.

Anche con i lati negativi, lo Zenmuse X7 è ancora la fotocamera più potente per le riprese video e vince il punto per questa categoria.

+1 per Zenmuse X7.

Obiettivi opzionali

Lo Zenmuse X3 è dotato di un obiettivo standard da 20 mm e lo Zenmuse X4S è dotato di un obiettivo da 8,8 mm/F2,8-11. Gli altri modelli consentono agli utenti di selezionare il loro obiettivo.

La tabella seguente mostra l’obiettivo disponibile per ogni telecamera.

Tipo obiettivo                                                                   Massima Apertura                          Compatibilità

Olympus 45mm Lens                                                     1:1.8                                                     X5S, X5R

Olympus EZ 14-42mm Lens                                         1:3.5 (wide)/1:5.6 (tele)               X5R

Olympus 25mm Lens                                                     1:1.8                                                     X5S, X5R

Olympus 17mm M.ZUIKO Digital Lens                   1:1.8                                                     X5S, X5R

Olympus 9-18mm M.ZUIKO DIGITAL ED Lens     1:4.0 (wide)/1:5.6 (tele)               X5S

Olympus 12mm f2 M.ZUIKO DIGITAL ED Lens    1:2.0                                                     X5, X5S, X5R

DJI MFT 15mm Lens                                                       1:1.6                                                     X5, X5S, X5R

DL-S 16mm Lens                                                              1:2.8                                                     X7

DL 24mm Lens                                                                 1:2.8                                                     X7

DL 35mm Lens                                                                 1:2.8                                                     X7

DL 50mm Lens                                                                 1:2.8                                                     X7

Quando si seleziona un obiettivo, la prima cosa da considerare è la lunghezza focale. Questo è il numero visualizzato in millimetri. Ad esempio, l’obiettivo DL 24 mm ha una lunghezza focale di 24 mm. Maggiore è il numero, maggiore è lo zoom. Più basso è il numero, più ampi saranno le riprese. Se ci sono due numeri, significa che l’obiettivo è regolabile in qualsiasi punto all’interno di tale intervallo.

L’apertura massima si riferisce alla quantità massima di luce che l’obiettivo può assorbire. Più alto è il numero, minore è la quantità di luce che può passare attraverso l’obiettivo. Ciò significa che un obiettivo 1:2.8 raccoglie meno luce di un obiettivo 1:1.6.

L’apertura massima è un fattore importante da considerare quando si scatta in condizioni di scarsa illuminazione. Determinerà se richiede un flash o meno, il che influenzerà significativamente l’aspetto finale dell’immagine.

Nel complesso, la possibilità di selezionare il proprio obiettivo è molto utile per i fotografi. Sfortunatamente, Zenmuse X3 e Zenmuse X4S non forniscono questa opzione.

+1 per Zenmuse X5.

+1 per Zenmuse X5R.

+1 per Zenmuse X5S.

+1 per Zenmuse X7.

Modalità burst

Le modalità Burst consentono ai fotografi di catturare più fotografie in una sessione rapida. Questo è utile quando si riprendono sport, onde che si infrangono sulla spiaggia, un veicolo in movimento o un altro soggetto in movimento. Una volta completata la sequenza di scatti, è facile selezionare l’immagine perfetta.

La tabella seguente mostra il frame rate per ciascuna telecamera quando si opera in modalità burst. Questa frequenza fotogrammi indica quante foto può catturare al secondo.

Modello              Burst Mode Massimo Frames Per Second

Zenmuse X5      7

Zenmuse X5R    7

Zenmuse X4S    14

Zenmuse X5S    20

Zenmuse X7      20

Gli Zenmuse X7 e Zenmuse X5S sono i vincitori qui. Possono catturare fino a 20 immagini singole al secondo.

+1 per Zenmuse X5S.

+1 per Zenmuse X7.

Peso

Il peso di ogni telecamera è da considerare poiché influenzerà il tempo di volo di un drone. Anche piccole differenze di peso possono avere un impatto notevole. Guarda qui sotto per vedere il peso approssimativo di ogni telecamera. Ricorda solo che varia leggermente a seconda dell’obiettivo selezionato.

Modello              Peso approssimativo (grammi)

Zenmuse X5      526

Zenmuse X5R    583

Zenmuse X4S    253

Zenmuse X5S    461

Zenmuse X7      449

Lo Zenmuse X7 è il più leggero con 449 grammi.

+1 per Zenmuse X7.

 

Prezzo

Di seguito sono riportati i prezzi approssimativi di HobbyHobby Italia per ogni telecamera. Salvo diversa indicazione, ciascun modello è nuovo e include un obiettivo.

Modello              Prezzo

Zenmuse X5      € 1899

Zenmuse X5R    € 3799

Zenmuse X4S    € 699

Zenmuse X5S    € 2199

Zenmuse X7      € 2999 senza obiettivo.

I prezzi attuali indicano che lo Zenmuse X4S è il più conveniente.

+1 per Zenmuse X4S.

Punteggio totale

Abbiamo calcolato i risultati per ogni telecamera, quindi dai un’occhiata qui sotto.

Punteggio del modello di fotocamera

Zenmuse X5 1 (opzioni dell’obiettivo)

Zenmuse X5R 1 (opzioni dell’obiettivo)

Zenmuse X4S 1 (prezzo)

Zenmuse X5S 2 (opzioni dell’obiettivo, modalità burst)

Zenmuse X7 5 (registrazione video, megapixel, opzioni dell’obiettivo, modalità burst, peso)

Quale fotocamera è la migliore che dovrei comprare?

Lo Zenmuse X7 è la macchina più potente in assoluto. In effetti, è paragonabile alle fotocamere di alto livello di produzione professionale. Sarai in grado di scattare foto nitide a 24 megapixel e filmare video in 4K, 5.2K e persino 6K. L’unico problema è il cartellino del prezzo pesante. Avrai bisogno di pagare € 2999 solo per la fotocamera, quindi aggiungere altri migliaia per l’obiettivo. Oh, e non dimenticare la licenza CinemaDNG se vuoi girare in 5,2 K o 6 K.

La grande domanda che devi porre è se sei un cineasta professionista o semi-professionista che deve registrare in 5,2 K o 6 K. Altrimenti dovresti prendere in considerazione uno dei modelli più convenienti, che ci porta alla prossima domanda.

Quale fotocamera offre il miglior rapporto qualità-prezzo?

Riteniamo che lo Zenmuse X5S sia il miglior rapporto qualità-prezzo. A € 2199 avrai una fotocamera potente con la possibilità di filmare in 4K e 5.2K, oltre a scattare foto da 20 megapixel. Questo lo rende un acquisto più realistico per la persona tipica rispetto allo Zenmuse X7, molto più costoso.

dji_mavic_air

Recensione DJI Mavic Air

L’impegno di DJI per l’innovazione passa attraverso l’ultimo drone consumer dell’azienda: il DJI Mavic Air è l’evoluzione quasi perfetta del DJI Mavic Pro di grande successo e il DJI Spark compatto e user-friendly.

Prendendo i bracci del rotore ripiegabili dal Mavic Pro e il piccolo fattore di forma e giocosità dello Spark, e quindi migliorando entrambi, DJI ha prodotto il suo miglior drone per i consumatori.

Il DJI Mavic Air aleggia su quella perfetta via di mezzo, offrendo specifiche di fascia alta a un prezzo inferiore rispetto al Mavic Pro. Ha praticamente tutto quello che occorre, dal video 4K alle immagini panoramiche da 32MP a una durata della batteria di 21 minuti.

Ancora più importante, il DJI Mavic Air è facile da pilotare grazie a un sistema di evitamento degli oggetti migliorato e ai comandi a gesti, conferendo a questo drone un maggior appeal.

Design e meccanica

Rendimenti dei fattori di forma compatti e pieghevoli;

Il gimbal del Mavic Air ad incasso aggiunge protezione, ma la copertura per gli scatti è scomoda;

Joystick rimovibili sul radiocomando ridisegnato;

Porta USB-C solo per trasferimento dati.

Il Mavic Air di DJI potrebbe assomigliare al DJI Spark in termini di dimensioni, ma è lì che fondamentalmente finisce la somiglianza. I bracci del nuovo drone sono pieghevoli, come quelli del Mavic Pro, portando la portabilità a un livello completamente nuovo.

Una volta ripiegato, il DJI Mavic Air può tranquillamente scivolare in una grande tasca, si pensi a pantaloni da lavoro o a una grande giacca. Con un peso di 430 grammi, è più pesante dello Spark con 300g ma più leggero del Mavic Pro con 743g, e decisamente più leggero di una pinta di birra.

La custodia con cerniera del drone accentua le sue piccole dimensioni, scivolando facilmente in uno zaino o in una borsa fotografica con tanto spazio per il resto del corredo.

Nonostante sembri un giocattolo, Mavic Air è robusto e ben costruito. Il gimbal incassato, con la sua cover per fotocamera, aggiunge uno strato di protezione, che lo rende un ottimo compagno di viaggio. Tuttavia, rimettere il coperchio dopo l’uso può essere un po’ difficile, senza un modo perfetto per ricollegarlo. Dovrai solo assicurarti che la fotocamera sia rivolta in avanti altrimenti non puoi allineare correttamente il coperchio per farlo scorrere in posizione.

Riprendendo il design dello Spark, DJI ha lanciato il Mavic Air in tre colori: bianco, nero e rosso. Anche se i colori sono un tocco giocoso, abbiamo scoperto che le versioni rosse e nere sono magneti di impronte digitali. La versione bianca sembra la migliore, ma può essere più facilmente persa a distanza contro un cielo luminoso.

Mavic Air è il primo drone DJI a introdurre la porta USB-C per il trasferimento dei contenuti. Purtroppo, la porta USB non può essere utilizzata per ricaricare il drone. Per questo, è necessario portarsi il caricabatterie proprietario.

Naturalmente, è dotato anche di uno slot per schede microSD, ma questa volta ci sono anche 8GB di memoria integrata. Quindi, se ti dimentichi di portare una memory card o riesci a riempirla molto velocemente, puoi continuare a scattare con un solo tocco.

Un’altra innovazione notevole ma semplice che aggiunge alla portabilità del nuovo drone è il radiocomando ridisegnato. I joystick per il controllo sono smontabili e nascosti immediatamente sotto le clip pieghevoli per smartphone, dando al nuovo radiocomando una superficie piatta che gli consente di scivolare nella tasca sul retro della custodia del drone.

Il radiocomando non dispone però dello schermo integrato per la telemetria di volo come quello del Mavic Pro, ma spreme lo smartphone nelle clip pieghevoli e, voila, hai accesso a un feed video dal vivo e ogni altra informazione di pilotaggio di cui hai bisogno.

Prestazioni e controllo

Migliorato il sistema per evitare gli ostacoli;

Controlli a gesti;

Velocità massima di 68,4 km/h;

Distanza di trasmissione massima di 4 km con radiocomando; 50 m con dispositivo mobile.

Impostare il DJI Mavic Air non è difficile se hai già usato un drone DJI. Se non lo hai già fatto, dovrai installare l’app DJI Go 4 sul tuo smartphone (disponibile per Android o iOS) e quindi seguire i passaggi sullo schermo per connetterti al drone, direttamente via Wi-Fi o collegandoti al radiocomando. Una volta installato, il drone vola fluido come il burro.

Ed è veloce, o almeno si sente in quel modo a causa delle sue ridotte dimensioni. In modalità Sport, questo razzo tascabile può raggiungere una velocità massima di 68,4 km/h. A tali velocità, tuttavia, se la fotocamera è rivolta lateralmente, catturerai le eliche anteriori ronzanti, il che potrebbe non essere necessariamente quello che desideri nel tuo video. Questo però non costituisce un problema se non stai spingendo il drone alla massima velocità.

Tutti, tuttavia, sperimenteranno il fatto che il Mavic Air è rumoroso rispetto al molto più costoso Mavic Pro Platinum con eliche a basso rumore. Lo sentirai davvero prima di vederlo quando è solo un piccolo punto nel cielo lontano.

I novizi non devono preoccuparsi troppo del drone che sfreccia intorno: il Mavic Air è più difficile da abbattere grazie al suo sistema di visione a sette telecamere e al rilevamento ambientale a tre direzioni.

Il nuovissimo Advance Pilot Assistance System (APAS) non blocca il drone quando si trova di fronte ad un ostacolo, ma traccia un percorso alternativo e continua a volare in sicurezza. Tuttavia, affinché il sistema APAS funzioni in modo efficace, il drone deve volare e sorvegliare la posizione per un po’, raccogliendo informazioni da elaborare dei suoi dintorni. Questo è l’unico lavoro di preparazione in questione, ma viene eseguito automaticamente dal drone.

Per l’acquisto dei droni DJI, il rivenditore ufficiale in Italia è HobbyHobby Italia al link www.hobbyhobby.it

dji_spark_pano

Come utilizzare il DJI Spark in modalità panoramica

A volte nella fotografia aerea vorresti catturare di più andando oltre le dimensioni del fotogramma. Ma come si fa a raggiungere un’immagine cristallina e grandangolare con l’equivalente da 25 mm del DJI Spark?

La modalità panorama del DJI Spark può aiutarti a raggiungere questo obiettivo. Ora, diamo un’occhiata a come usare la modalità Panorama dello Spark per ottenere foto panoramiche mozzafiato con una bassa distorsione.

dji_spark_pano

Modalità panorama del DJI Spark

DJI Spark supporta le modalità Panorama orizzontale, verticale, 180° e sferico.

dji_spark_pano

Modalità Panorama orizzontale

In modalità panorama orizzontale, lo Spark scatterà automaticamente nove foto e le cucirà insieme per uno scatto panoramico grandangolare dinamico. Mentre la modalità panorama verticale scatta tre foto e le unisce in verticale per produrre un’immagine in formato 16:9.

dji_spark_pano-verticale

Modalità Panorama verticale

La modalità Panorama a 180° può unire 21 foto insieme per creare una foto panoramica a 180°. La nuova modalità Sphere può catturare piccole foto a forma di pianeta con un effetto lente fisheye.

dji_spark_pano-180

Modalità Panorama a 180°

dji_spark_pano_sferico

Modalità Panorama sferico

dji_spark_pano_sferico_video

Ripresa orizzontale panoramica con Spark

Innanzitutto, tocca le impostazioni della fotocamera e seleziona la modalità orizzontale in modalità Panorama, quindi regola l’inclinazione del gimbal, tocca il pulsante di ripresa per iniziare a scattare.

dji_spark_pano_camera_settings

Durante il processo di ripresa, il drone utilizzerà la posizione corrente come posizione iniziale e panoramica automatica. Spark inclina automaticamente la fotocamera per scattare 9 foto. Al termine, l’aeromobile tornerà alla posizione iniziale.

dji_spark_pano_video

Scatto verticale con Spark

Allo stesso modo, toccando le impostazioni della fotocamera, sarete in grado di selezionare la modalità verticale sotto la modalità Panorama e iniziare a scattare.

Durante il processo di ripresa, il drone rimarrà sospeso in aria, la fotocamera acquisirà automaticamente tre foto dalla composizione scelta. Comincerà dal fotogramma centrale, seguito dal fotogramma superiore e completato con il fotogramma in basso.

dji_spark_hovering

In modalità orizzontale e verticale, se inclini la fotocamera verso il basso, il DJI Spark ruoterà automaticamente intorno alla posizione corrente per catturare le foto. Tuttavia, nella modalità Panorama a 180°, il gimbal manterrà una posizione centrale fissa.

dji_spark_pano_180_settings

DJI Spark riprese panoramiche 180°

Assicurarsi di aver installato il firmware più recente sul drone e sul radiocomando e l’ultima app mobile DJI GO 4 per utilizzare la modalità Pano a 180°. Una volta aggiornato il firmware e l’app DJI GO 4, sarà possibile selezionare la modalità a 180° nella modalità Pano e iniziare a scattare.

DJI Spark riprese panoramiche sferiche

Questa nuova funzione ti consente di effettuare riprese panoramiche a 360°, che conferiscono alla tua foto un aspetto minuscolo. Basta selezionare la modalità Sfera nella modalità Pano e il tuo Spark scatterà 46 immagini per comporle a 360°. Tutto può essere fatto nell’app DJI GO 4, non è necessario alcun software di terze parti.

Unire le foto nei panorami

Dopo aver terminato le riprese panoramiche, puoi toccare il pulsante di riproduzione per controllare le foto. Toccando la foto che hai catturato, DJI GO 4 le unirà automaticamente in una foto panoramica. Non scollegare il drone mentre unisce le foto perché lo smartphone deve scaricare le foto dal drone. Al termine, fai clic sul pulsante di download, la foto panoramica verrà salvata automaticamente sul tuo smartphone.

foto_in_panorama

Se si desidera una foto ad alta risoluzione, è possibile utilizzare DJI Media Maker o altri software per unire le foto con immagini RAW in un panorama.

Va notato che quando il segnale GPS del drone è debole, la trama della superficie non è chiara o quando c’è un forte vento, il drone potrebbe non eseguire il volo di precisione. Ciò potrebbe influire sulla qualità del risultato.