La consegna degli acquisti con i droni

Drone Amazon Prime Air

Amazon è stato il leader e-commerce per innovazione, in particolare con il suo servizio Amazon Prime immensamente popolare. Gli abbonati, che pagano una media di 99 dollari all’anno per il servizio, possono usufruire della spedizione gratuita dei loro acquisti con consegna in due giorni, oltre ad avere a disposizione migliaia di film in streaming, programmi TV e musica digitale tramite il servizio di streaming di Amazon. Tutto sommato, non è un cattivo affare se si effettuano molti acquisti online e se siete appassionati di film.Drone Amazon Prime Air

Con Amazon che ha recentemente superato il valore di Wal-Mart, in precedenza il più grande rivenditore al mondo, non dovrebbe sorprendere che abbiano qualcosa di ancora più innovativo in programma. Questa volta si tratta della inconsueta consegna dei pacchi. Amazon Prime Air è infatti il servizio di consegna dei pacchi ai clienti via drone in 30 minuti o meno.

Amazon Prime Air è ancora in fase di progettazione da parte di Amazon. La logistica ed i dettagli sono ancora in fase di perfezionamento. In sostanza, i piccoli droni di consegna saranno utilizzati per consegnare i pacchi provenienti da centri di smistamento metropolitani alle imprese e alle case all’interno di una zona geografica predeterminata entro 30 minuti dall’ordine effettuato.

Secondo Paul Misener, vice presidente di Amazon per la politica pubblica globale, “Amazon Prime Air è un servizio di consegna del futuro che consegnerà i pacchi ai clienti entro 30 minuti dal loro ordine online su Amazon.com. Gli obiettivi che ci siamo prefissati sono: La distanza deve essere entro 10 miglia. I droni per la consegna peseranno circa 25 chili ciascuno, ma saranno in grado di consegnare pacchi che pesano fino a 2,2 chili. Si scopre che la maggior parte delle cose che vendiamo su Amazon pesano meno di 2,2 chili”.

Come funziona il servizio? I clienti che sono membri di Amazon Prime Air, semplicemente ordinano dal sito come farebbero normalmente. Tranne che quando arriveranno alla procedura di verifica e pagamento, avranno la possibilità, in determinate circostanze e per alcuni prodotti, di usare Prime Air. Secondo Misener, per questo servizio potrebbe o meno essere richiesto un pagamento, “Non abbiamo ancora stabilito i prezzi”.

Per ora sembra che il servizio sarà offerto in alcune città test, una volta che sarà reso operativo. Una volta che il progetto sarà completato, i clienti che utilizzano il servizio saranno in grado di scegliere dove i droni devono depositare i loro pacchetti (per esempio nel cortile di fronte o sul retro, davanti la porta di ingresso, ecc), in modo che i pacchetti possano essere consegnati anche se loro non sono in casa.

Queste le caratteristiche che dovrebbero avere i droni per le consegne:

Drone Amazon Prime AirOtto eliche da 25 centimetri che ruotano a 10000 rotazioni al minuto e in grado di sollevare 1,6 kg ciascuna. Se una si guasta il drone continua a volare. Il drone avrà bisogno di sensori visivi per evitare gli ostacoli. La batteria da 10000mAh fornirà circa 30 minuti di autonomia di volo.

Portata: I clienti devono abitare entro una distanza di 16 km dal centro di smistamento.

La FAA approverà il drone per questo servizio?

Naturalmente, qualsiasi oggetto commerciale che vola nello spazio aereo degli Stati Uniti deve essere regolato dalla Federal Aviation Administration (FAA). Per quanto riguarda questo ostacolo, Misener ha dichiarato la società sta lavorando con le autorità di regolamentazione per farlo approvare. Ma non c’è nessuna certezza su quando sarà approvato. L’idea che viene proposta in questo momento è uno spazio aereo a più livelli che aiuta a regolare il traffico aereo e mantenere un rigoroso standard di sicurezza.

“Stavamo pensando a questo: Gli aeromobili con equipaggio sopra i 500 piedi. Tra i 400 e i 500 piedi ci sarebbe una No-Fly Zone, una zona buffer di sicurezza”, ha detto Misener. “Tra i 200 e i 400 piedi ci sarebbe una zona di transito, dove i droni potrebbero volare abbastanza rapidamente, in senso orizzontale. E poi lo spazio sotto i 200 piedi sarebbe limitato a determinate operazioni. Per noi, sarebbero le operazioni di decollo e atterraggio. Per altri, potrebbero essere le riprese aeree. Gli agenti immobiliari, per esempio, non avrebbero bisogno di volare al di sopra dei 200 piedi per ottenere una buona ripresa aerea di una casa”.

Il progetto potrebbe subire battute d’arresto, se i regolatori non salgono a bordo, qualcosa che Misener è fiducioso Amazon possa superare. “Le sfide ci sono, di sicuro. Ma una volta che abbiamo dimostrato che questo è sicuro, saremo in grado di portarlo alle autorità di regolamentazione e, auspicabilmente, utilizzarlo per i nostri clienti in modo rapido. L’ho visto. Sta per accadere. Sta arrivando”.

Per quanto riguarda i rivenditori su Amazon?

Non c’è ancora nessuna parola sui costi di partecipazione o costi di consegna, sia per i rivenditori che per i consumatori. Si potrebbe pensare che i rivenditori saranno sottoposti a spese di spedizione simili a quelle per il servizio Prime attuale. Dato che Amazon prende dai rivenditori un supplemento del 20% per tutti i prodotti venduti in aggiunta alle spese di spedizione, è sicuro scommettere che la partecipazione a questo servizio avrà costi aggiuntivi, con l’obiettivo di aumentare le vendite e le conversioni che alla fine potrebbero compensare l’aggiunta di costo.